La Storia del Napoli – Parte III (1928-29)

Pubblicato: settembre 29, 2010 in AC Napoli

Il campionato 1928-29 del Napoli fu molto duro; infatti per salvarsi doveva arrivare almeno ottava nel proprio girone; le ultime otto sarebbero state retrocesse.

Inizialmente il Napoli partì bene totalizzando nelle prime 4 giornate 3 vittorie e 1 sconfitta. Successivamente si perse per strada alternando vittorie roboanti (4-1 contro l’Ambrosiana-Inter, 5-0 contro la Biellese) a batoste incredibili come uno 0-4 contro il Bologna e il 1-5 contro la Cremonese. A un certo punto era addirittura sotto l’8° posto sopravvanzato dalla Biellese. Per fortuna riuscì a vincere per 5-0 lo scontro contro la Biellese e a scavalcarla in classifica condannandola alla retrocessione. All’ultima giornata incontrò la Lazio: entrambe erano all’ottavo posto a parimerito; chi avrebbe vinto sarebbe andata in A, chi avrebbe perso sarebbe finita in B. La paura di perdere fece finire la gara 0-0.

Con le squadre a pari punti la FIGC stabilì uno spareggio che finì 2-2.

Ma a questo punto intervenne la FIGC che allargò il campionato di Serie A a diciotto squadre ammettendo anche le none classificate e dunque Napoli, Lazio e Triestina (nona nell’altro girone).

Annunci

La Storia del Napoli – Parte II (1927-28)

Pubblicato: settembre 28, 2010 in AC Napoli

Il Napoli si rinforza per evitare un altra retrocessione.

Il Girone d’andata è però disastroso con i partenopei che totalizzano solo ; nel Girone di ritorno i partenopei si riprendono e totalizzano parecchi punti battendo anche squadre (allora) blasonate come Genoa e Pro Vercelli; il cattivo rendimento del irone d’andata tuttavia non gli permette di andare oltre il terz’ultimo posto cioè un altra retrocessione. Tuttavia Arpinati riallargò il campionato a 32 squadre riamettendo tutte le squadre retrocesse e quindi anche il Napoli.

Ecco l’articolo di “Tutti gli Sports” che annuncia il ripescaggio del Napoli e delle altre società:

Per i risultati vedi la pagina di Wikipedia AC Napoli 1927-28.

Il Napoli nacque il 1° agosto 1926 in seguito a una riunione dei soci dell’Internaples che decisero di cambiare il nome della società campana in Napoli. La squadra fu ammessa subito in Divisione Nazionale (Serie A) in virtù del primo posto raggiunto dall’Internaples nel girone campano di Prima Divisione 1925-26 ma soprattutto in quanto finalista di Lega Sud. Il Napoli si ritrovò privo del campione Ferrari che cambiò squadra insieme al suo mister Carcano. Con una squadra debole il Napoli concluse il campionato all’ultimo posto con un solo punto!

Questo è il cammino disastroso del Napoli 1926-27:

Arrivi
R. Nome da Modalità
C Anton Kreutzer 600px Granata con toro Bianco.png Torino definitivo
D Giuseppe Pirandello 600px Rosa e Nero in diagonale con aquila.png Palermo definitivo
D Paulo Innocenti 600px Rosso e Blu (Strisce) con croce Rosso e Giallo.png Bologna definitivo
A Pietro Gariglio 600px Blu e Bianco (V sul petto).png Brescia definitivo
C Catapano U.S Pro Italia definitivo
C Roberto De Martino 600px Giallo e Blu (Strisce).png Stabia definitivo
C Giulio Bobbio 600px Rosa e Nero in diagonale con aquila.png Palermo definitivo

Campionato (Girone A) [modifica]

Girone di andata [modifica]

Napoli
3 ottobre 1926
ore
1a Giornata
Napoli 600px Azzurro con N cerchiata.png 0 – 3 600px Nero e Azzurro (Strisce)2.png Internazionale Stadio Militare dell’Arenaccia

Arbitro Pinasco  (Sestri Ponente)
    Marcatori Powolny Segnato, Segnato
Bernardini Segnato
 
 
Napoli
10 ottobre 1926
ore
2a Giornata
Napoli 600px Azzurro con N cerchiata.png 0 – 2 600px Verde Con Striscia Bianca.png Alba Audace Stadio Militare dell’Arenaccia

Arbitro Montessoro  (Milano)
    Marcatori Galluzzi Segnato dopo rig. minuti rig.’
Ziroli Segnato
 
 
Genova
17 ottobre 1926
ore
3a Giornata
Genoa 600px Rosso e Blu con striscia Bianco e croce Rossa su sfondo Bianco.png 4 – 1 600px Azzurro con N cerchiata.png Napoli Stadio Luigi Ferraris

Arbitro Bonello  (Venezia)
  Levratto Segnato dopo rig. minuti rig.’
Narizzano Segnato
Castaldi Segnato
Rosso Segnato
Marcatori Innocenti Segnato  
 
Verona
24 ottobre 1926
ore
4a Giornata
Hellas 600px Giallo e Blu (Strisce).png 5 – 0 600px Azzurro con N cerchiata.png Napoli
Arbitro Galli
  G.Chiecchi Segnato, Segnato
E.Chiecchi Segnato
Morandi Segnato
Porta Segnato
Marcatori    
 
Napoli
7 novembre 1926
ore
5a Giornata
Napoli 600px Azzurro con N cerchiata.png 0 – 2 600px Nero con stella Bianca.png Casale Stadio Militare dell’Arenaccia

Arbitro Beretta
    Marcatori  ? Segnato
 ? Segnato
 
 
Brescia
14 novembre 1926
ore
6a Giornata
Brescia 600px Blu e Bianco (V sul petto).png 5 – 1 600px Azzurro con N cerchiata.png Napoli
Arbitro Turra  (Padova)
  Giuliani Segnato, Segnato
Rizzi Segnato
Morselli Segnato
Bellardi Segnato
Marcatori Vailati Segnato dopo aut. minuti aut.’  
 
Napoli
21 novembre 1926
ore
7a Giornata
Napoli 600px Azzurro con N cerchiata.png 0 – 3 600px Nero e Bianco (Strisce).png Juventus Stadio Militare dell’Arenaccia

Arbitro Essinger  (Pisa)
    Marcatori Vojak Segnato, Segnato, Segnato  
 
Napoli
28 novembre 1926
ore
8a Giornata
Napoli 600px Azzurro con N cerchiata.png 0 – 1 600px Giallo e Blu3.png Modena Stadio Militare dell’Arenaccia

Arbitro Magliulo  (Livorno)
    Marcatori Povero Segnato  
 
Vercelli
5 dicembre 1926
ore
9a Giornata
Pro Vercelli 600px Bianco con croce sottile Rossa.png 4 – 1 600px Azzurro con N cerchiata.png Napoli
Arbitro Pinasco  (Sesti Ponente)
  Mattuteia Segnato
Zanello Segnato dopo rig. minuti rig.’
Ceria Segnato
Piccaluga Segnato
Marcatori Ghisi Segnato  
 

Girone di ritorno [modifica]

Milano
19 dicembre 1926
ore
10a Giornata
Internazionale 600px Nero e Azzurro (Strisce)2.png 9 – 2 600px Azzurro con N cerchiata.png Napoli Campo di via Goldoni

Arbitro Modica
  Cevenini Segnato, Segnato, Segnato
Powolny Segnato, Segnato, Segnato, Segnato
Castellazzi Segnato
Conti Segnato
Marcatori Kreutzer Segnato
Sallustro Segnato
 
 
Roma
26 dicembre 1926
ore
11a Giornata
Alba Audace 600px Verde Con Striscia Bianca.png 5 – 2 600px Azzurro con N cerchiata.png Napoli
Arbitro Gamberini  (Bologna)
  Ziroli Segnato, Segnato
Jacopoli Segnato, Segnato
Heger Segnato
Marcatori Ghisi Segnato
Kreutzer Segnato dopo rig. minuti rig.’
 
 
Napoli
2 gennaio 1927
ore
12a Giornata
Napoli 600px Azzurro con N cerchiata.png 0 – 2 600px Rosso e Blu con striscia Bianco e croce Rossa su sfondo Bianco.png Genoa Stadio Militare dell’Arenaccia

Arbitro Gasperini
    Marcatori Partita vinta a tavolino  
 
Casale
16 gennaio 1927
ore
13a Giornata
Casale 600px Nero con stella Bianca.png 3 – 0 600px Azzurro con N cerchiata.png Napoli Stadio Natale Palli

Arbitro Ferro
  Caligaris Segnato
Buscaglia Segnato
Migliavacca Segnato
Marcatori    
 
Napoli
23 gennaio 1927
ore
14a Giornata
Napoli 600px Azzurro con N cerchiata.png 0 – 1 600px Giallo e Blu (Strisce).png Hellas Stadio Militare dell’Arenaccia

Arbitro Mangano
    Marcatori G.Chiecchi Segnato  
 
Napoli
13 febbraio 1927
ore
15a Giornata
Napoli 600px Azzurro con N cerchiata.png 0 – 0 600px Blu e Bianco (V sul petto).png Brescia Stadio Militare dell’Arenaccia

Arbitro Malagodi  (Milano)
    Marcatori    
 
Torino
6 marzo 1927
ore
16a Giornata
Juventus 600px Nero e Bianco (Strisce).png 8 – 0 600px Azzurro con N cerchiata.png Napoli Campo di Corso Marsiglia

Arbitro Aebi
  Vojak Segnato, Segnato, Segnato
Grabbi Segnato, Segnato
Viola Segnato
Caudera Segnato
Munerati Segnato
Marcatori    
 
Modena
13 marzo 1927
ore
17a Giornata
Modena 600px Giallo e Blu3.png 1 – 0 600px Azzurro con N cerchiata.png Napoli
Arbitro Scarpi  (Dolo)
  Breviglieri Segnato Marcatori    
 
Napoli
20 marzo 1927
ore
18a Giornata
Napoli 600px Azzurro con N cerchiata.png 0 – 3 600px Bianco con croce sottile Rossa.png Pro Vercelli Stadio Militare dell’Arenaccia

Arbitro Sguerso  (Savona)
    Marcatori Piccaluga Segnato, Segnato
Baiardi Segnato

La squadra avrebbe dovuto retrocedere in I Divisione ma venne graziata dalla Federazione che annullò tutte le retrocessioni.

Proprio in seguito al campionato disastroso del Napoli i suoi tifosi decisero di cambiare lo stemma della società sostituendo il cavallo con il ciuccio di Fichella, che riceveva solo batoste.

La gara di spareggio della Finale di Campionato vide vincitori i felsinei che sconfissero il Toro per 1-0. Questa è la cronaca del Littoriale:

Il Bologna vinse in questo modo il suo secondo scudetto. Questi invece sono gli altri risultati di campionato del 7 luglio:

Il Campionato Meridionale fu vinto dal Lecce che sconfisse il Taranto e si qualificò al primo campionato di Serie B a girone unico.

Nel Girone A il Padova ha la meglio su Triestina e Dominante e viene ammessa al primo campionato di Serie A a girone unico. Nel Girone B il Napoli grazie a una vittoria per 5-0 nello scontro diretto riesce a condannare la Biellese alla retrocessione in Serie B ma nello scontro all’ultima giornata contro la Lazio pareggia 0-0 con il risultato che partenopei e laziali sono appaiate all’ottavo posto a pari merito. Ci vuole quindi uno spareggio per stabilire quali delle due squadre giocherà in Serie A che finisce 2-2. Alla fine grazie all’allargamento del campionato a 18 squadre entrambe vengono ammesse alla Serie A insieme alla Triestina nona nell’altro girone.

In Finale giungono Torino e Bologna. Bologna vince la prima partita per 3-1 ma nel ritorno i torinesi vincono 1-0 raggiungendo i felsinei a quota 2 punti in classifica. Ci vorrà quindi uno spareggio per determinare il campione.

Per quanto riguarda la Prima Divisione (Nord) Spezia, Parma e Monfalcone vengono ammesse in Serie B. Nel campionato meridionale (Prima Divisione Sud) si stanno disputando i gironi di semifinale. Le vincenti dei due gironi si contenderanno l’ultimo posto disponibile per la Serie B (e il titolo di campione meridionale) in finale. 

A quattro giornate dal termine Bologna e Torino vincono matematicamente il girone e dunque si contenderanno lo scudetto nella finale. Lotta per l’ottavo posto tra Livorno, Dominante, Padova, Triestina (Girone A) e Napoli, Biellese, Lazio e Venezia (Girone B).

A fine aprile Torino e Bologna dominano entrambi il proprio girone (la prima il girone A, la seconda il Girone B) e con ogni probabilità, a meno di possibili rimonte, saranno le finaliste del campionato italiano. Matematicamente salve: Torino (Girone A), Bologna, Juventus e Ambrosiana-Inter (Girone B). Matematicamente retrocesse: nessuna. Quelle più in lotta per l’ottavo posto: Livorno, Padova, Dominante, Triestina (Girone A), Biellese, Napoli, Pistoiese, Lazio e Verona (Girone B).