Le Finalissime (1913-1926)

Pubblicato: novembre 5, 2010 in Carta di Viareggio, Divisione Nazionale, Prima Categoria, Prima Divisione

Dopo una pausa di un mese e con il ritrovamento di un ulteriore fonte, ritorno a scrivere articoli. Questa volta facciamo un passo indietro e dal 1929 ritorniamo al 1912.

In quest’anno la Federazione decise di istituire un campionato del Centro-Sud i cui vincenti avrebbero affrontato nella finalissima i campioni del Nord. Dato il netto divario tra clubs settentrionali e quelli meridionali, il risultato era comunque scontato.

Nel 1913 Pro Vercelli e Lazio si affrontarono per il titolo: vinse la Pro Vercelli per 6-0.

Nel 1914 furono Casale e Lazio a scontrarsi: furono i piemontesi a prevalere per 7-1 all’andata e per 2-0 al ritorno:

Nel 1915, a causa dello scoppio della guerra, non fu giocata la finalissima: il Genoa, in testa nel Campionato del Nord, venne proclamato Campione.

Finita la guerra, il campionato riprese. In questo arco di tempo progressi enormi furono compiuti dai toscani, il cui tasso tecnico era di poco inferiore ai giocatori del Nord. Nel 1920 così quando si giocò come finalissima Inter-Livorno fini solo 3-2 per l’Inter. Va detto comunque che i gol toscani arrivarono solo al 38° e al 42° della ripresa a risultato già acquisito comunque era la prova che i toscani erano migliorati di molto.

I progressi divennero ancora più evidenti nel 1921 quando il Pisa contese il titolo alla Pro Vercelli. Finito 1-0 per i piemontesi il primo tempo nella ripresa il Pisa riuscì a pareggiare ma ridotto in nove subì il gol decisivo della vittoria vercellese contestatissimo dai toscani i quali sostennero che il marcatore fosse in fuorigioco.

Proprio in riconoscimento della loro forza, a partire dal 1921-22 le toscane vennero spostate dal campionato del Sud al campionato del Nord. Come conseguenza di ciò, la finalissima tornò a essere una formalità. Nel 1922 si scontrarono per il titolo Pro Vercelli e Fortitudo (di Roma). A Roma vinse la Pro Vercelli per 3-0 ma a Vercelli i locali subirono subito due gol. Comunque in breve tempo segnarono cinque gol e la partita finì 5-2. La Pro Vercelli vinse così il suo settimo e ultimo titolo.

Nel 1923 finalissima tra Genoa e Lazio: vinse il Genoa per 4-1 e 2-0.

Nel 1924 dobbiamo registrare la bella prova del Savoia di Torre Annunziata, l’unico team meridionale a pareggiare un incontro di finalissima contro il team settentrionale. Affrontò il Genoa e perse  3-1 a Genova e pareggiò 1-1 a Torre Annunziata. La sua prestazione fu lodata da molti, perdere solo 4-2 era un risultato di prestigio visti i risultati abituali delle finalissime.

Nel 1925 fu l’Alba ad affrontare il Bologna. Vinsero i felsinei 4-0 e 2-0.

Infine nel 1926 la Juventus affrontò in finalissima l’Alba. All’inizio grazie alle parate del portiere dell’Alba il punteggio rimase sull’1-1 ma poi al 42° la Juventus passò in vantaggio. Nella ripresa nonostante le belle parate del portiere dell’Alba i bianconeri dilagarono e vinsero 7-1. Nel ritorno a Roma i bianconeri vinsero 5-0 e si aggiudicarono il loro secondo scudetto.

Con la Carta di Viareggio dell’agosto 1926 la finalissima fu abolita. I campionati di Lega Nord e Lega Sud vennero infatti unificati e da allora le squadre del Sud e quelle del Nord avrebbero giocato nello stesso campionato. Il nuovo campionato di Divisione Nazionale aveva 20 squadre di cui 17 settentrionali e 3 meridionali.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...